L'energia Potente Della Preghiera


  LA QUANTITA'  DI ENERGIA  SPRIGIONATA NELL'ATTO MEDITATIVO  e' di fondamentale  importanza per far si che l'intento della PREGHIERA sia recepito e acconsentito  dalle FORZE CELESTI. SI TRATTA DI CREARE UN INTERSCAMBIO energetico D'AMORE  tra voi e loro. (IL DARE e L' AVERE).  Molte volte  capita nella nostra vita di avere a che fare con degli avvenimenti personali, o degli eventi particolari che ci inducono  al bisogno di PREGARE .  PERO' E' DA DIRE CHE USARE LA MENTE e  PENSARE DI PREGARE A QUALCOSA senza L'AUSILIO  DEL CUORE  e dello spirito, sarebbe poca cosa . Cio'  influirebbe  molto in negativo all'atto della preghiera, e quindi sulla  potenza energetica che andreste a  sprigionare. Questo e'  dovuto al fatto che in quel momento la vostra attenzione e concentrazione, cioe' la( MENTE)=Ajna Chakra o Centro Frontale  terzo occhio, ed il Sahasrara Chakra o Centro Coronale = la parte alta del cervello, (il piu' importante ).  Non  sono  connesse al  (CUORE)= Anahata Chakra o del Centro del Petto = CHAKRA CHE PULSA ENERGIA PURA . Quindi Non  ARRIVANDO IMPULSI   dal chakra del cuore, verso il lobo frontale che  deve sprigionare  l'energia immagazzinata, non si avra' l'imput, e quindi il canale tra voi e le energie superiori rimarrebbe chiuso.  Es. come se voi doveste usare la potenza della voce per  farvi sentire e capire  da  altri  ad una certa distanza (dovreste urlare), e quindi dare piu' energia alle vostre corde vocali. In fin  dei conti si tratta dello stessa legge, ma per farsi sentire  dalle  energie superiori, si ha bisogno di dare piu' energia  allo spirito. Con questo voglio dire che per far si che una PREGHIERA o una MEDITAZIONE  sia fatta  corretta-mente, ci vorranno i giusti requisiti. (MENTE E CUORE = ENERGIA D'AMORE) e quindi Potenza Della Preghiera, verso chi state pregando, e verso chi vi state  rivolgendo .   ESISTE UNA SOLA FONTE, (rivolgetevi alla fonte di luce padre e madre di tutto il creato). Alcuni gesti importanti  da fare nel momento della preghiera sono stati illustrati in basso. Gesti  antichi che piu' delle volte vengono dimenticati, ma che aiutano a connettersi al  propio se'  interiore attraverso i  cakra, con la fonte li luce  PADRE MADRE  (e' consigliato pregare in solitudine, con rilassamento, e concentrazione, potrete assumere 30 min  prima delle meditazione, una tisana di IPERICO, o MELISSA, o VALERIANA in capsule ) queste erbe aiutano il rilassamento.
N°1 Preghiere Di Pentimento
A braccia conserte mettete il pugno   sinistro chiuso   sulla fronte  davanti  al cakra lobo centrale, chinate il capo .
N°2 Preghiera Di Scongiuro E Protezione
 Unire i palmi delle  mani  all'altezza del petto  e chinare leggermente la testa .  
N°3 Preghiera Dell'abbondanza
In piedi o seduti a occhi chiusi, allargate le braccia con i palmi delle mani rivolti verso l'alto.
N°4 Preghiera Dell'abbandono
Appoggiare  entrambe le mani incrociate sul petto davanti al cakra del cuore, con gli occhi chiusi e il volto verso l'alto, stando rilassati, in piedi o seduti .  
N°5 Preghiere Di Gratitudine
Congiungere entrambe le  mani   davanti al cakra del cuore, e i  due pollici a toccare il petto, alzare leggermente il capo. A fine preghiera   ringraziate  chinatevi  sul busto e la testa.
N°6 Preghiere Di Speranza
Congiungete le due mani  all'altezza del cuore, a pugni chiusi  e  occhi chiusi, chinate il capo.
N°7 Meditazioni Di Ricarica
Mettetevi  a gambe incrociate  stando seduti, portate le mani congiunte  a cuspide, all'altezza del lobo frontale  = il terzo occhio, oppure rilassate le braccia sulle ginocchia, a occhi chiusi .                                                 Ass.Medici Del Se'